Serie A, i numeri della stagione: Alessandro Pajola

La stagione in Serie A di Alessandro Pajola in numeri: il giovane play ha prodotto 3.4 punti, 1.6 rimbalzi e 1.5 assist di media in 20 gare.

Foto: Facebook/VirtusSegafredoBologna

Alessandro Pajola è alla terza stagione consecutiva giocata in Serie A con la Segafredo Virtus Bologna.

Nella stagione 2017/18 il giovane play ha prodotto 1.6 punti, 1.1 rimbalzi e 0.8 assist di media in 17 gare giocate mentre nella stagione 2018/19 ha viaggiato con 1.3 punti, 1.1 rimbalzi e 1.0 assist di media in 27 gare giocate.

Nella stagione 2018/19 Pajola ha fatto registrare invece 3.4 punti, 1.6 rimbalzi e 1.5 assist di media e una valutazione di 4.6 a partita rispetto a 1.9 e 0.7 delle due annate precedenti.

MASSIMI IN STAGIONE
Durante questo campionato Alessandro Pajola ha fatto registrare i suoi nuovi career-highs in Serie A.

I 9 punti messi a referto alla 4° Giornata contro la Carpegna Prosciutto Basket Pesaro rappresentano il massimo di punti segnati così come lo sono i 4 da tiri da 2 tentati nella gara di ritorno contro i marchigiani. Al Taliercio contro l’Umana Reyer Venezia, alla 20° Giornata, invece ha realizzato 3 tiri da 2.

Al PalaDozza contro l’OriOra Pistoia, alla 19° Giornata, il giovane play ha aggiornato il suo massimo in carriera nella casella assist con ben 6 palloni smazzati ai propri compagni.

Contro l’Happy Casa Brindisi (13° Giornata) e OriOra Pistoia (19° Giornata) ha chiuso con 12 di valutazione mentre il precedente record era di 9, siglato sempre contro i toscani ma alla 28° Giornata della stagione 2017/18.

In questa stagione ha eguagliato anche il massimo di rimbalzi arpionati, ovvero 6: contro Grissin Bon Reggio Emilia (7° Giornata) e Happy Casa Brindisi (13° Giornata). La prima volta fu contro la The Flexx Pistoia nella stagione 2017/18 (28° Giornata).

Lascia un commento

Segui Vu Nere Bologna su Facebook

Non perderti i nostri contenuti su Facebook: clicca "Mi Piace" e non perderti nessun aggiornamento in tempo reale!


This will close in 10 seconds