Virtus Segafredo Arena: tra autorizzazioni e ipotesi per migliorare la visibilità

La Segafredo Virtus Bologna per poter giocare ancora al Padiglione 30 della Fiera dovrà richiedere un’autorizzazione permanente. Inoltre la società lavora per migliorare la visibilità.

Foto: Virtus.it

Secondo quanto riportato da “Il Resto del Carlino”, la Segafredo Virtus Bologna per poter giocare le 4 gare di dicembre alla Virtus Segafredo Arena dovrà richiedere un’autorizzazione permanente a differenza di quella provvisoria richiesta per la gara contro la De’ Longhi Treviso.

In questo caso la società bianco-nera dovrà rispettare alcuni vincoli ma soprattutto dovrà richiedere l’autorizzazione anche al Coni e alla Prefettura in quanto non sarà più sufficiente la deroga rilasciata da LegaBasket.

Problema visibilità

Sono state tante le polemiche dai parti dei tifosi dopo la gara contro Treviso soprattutto per la visibilità del parquet e della partita. Il club valuta quindi migliorie all’impianto per permettere e garantire a tutti i tifosi di assistere alla partita con una visibilità soddisfacente così come recita il punto 5.9 del regolamento degli impianti sportivi. Le soluzioni possibili sono: quella di rilavorare sull’impianto, ridurre la capienza a 7000 posti o chiedere una deroga sui parametri di visibilità (meno percorribile)

Lascia un commento