Pietro Aradori: “Faccio fatica a capire la scelta della Virtus”

Pietro Aradori parla così della decisione presa dalla Virtus Bologna e intanto si avvicina sempre più alla Fortitudo Bologna.

Foto: Basketball Champions League

Pietro Aradori parla della decisione della Virtus e del suo futuro in un’intervista rilasciata al  “Corriere dello Sport”.

“Francamente faccio ancora fatica a darmi una risposta che abbia un senso. Per carità, le scelte sono scelte, ma ci sono modi e tempi. È vero, sembra un ricordo del passato quello della vittoria contro Tenerife. Invece ad Anversa, e da capitano, ero il simbolo della Virtus e urlavo insieme con i tifosi una gioia comune. Ricordo tutti i fiumi di parole spesi per la nostra impresa e i complimenti che mi arrivarono. Si vede che poi qualcosa è cambiato…”

Dove giocherà il prossimo anno?
“Ho un contratto con la Virtus fino a Giugno 2021 e non ho alcune fretta di decidere. Non intendo sprecare energie che invece voglio dedicare alla maglia azzurra”.
“Da tante parti leggo che sono vicino a questo o quel club: Pesaro, Brindisi, Brescia, Roma. Ringrazio tutti però ora non ho alcuna idea riguardo al mio futuro”.

È possibile che aspetterà il bonifico in poltrona?
“Non credo proprio. Non sono quel tipo di giocatore, nè quel tipo di uomo. Ma non corro. Ora sono concentrato sulla Nazionale”.

La Fortitudo?
“Rispondo che sono un professionista e ad oggi non ho detto sì o no ad alcun club. Casomai il no lo ha detto la Virtus Bologna a me”.

Sarebbe strano se il capitano della Virtus andasse alla Fortitudo. 
“Sono un professionista, ripeto. Valuterò ogni possibilità”.

Proprio secondo “La Prealpina” la trattativa tra Fortitudo Bologna e Pietro Aradori sarebbe ben avviata con un’offerta da 1+1 per l’esterno di Brescia.

Segui Vu Nere Bologna su Facebook

Non perderti i nostri contenuti su Facebook: clicca "Mi Piace" e non perderti nessun aggiornamento in tempo reale!


This will close in 10 seconds