Playoff, Finale – Gara 2, A|X Armani Exchange Milano-Segafredo Virtus Bologna: la sala stampa

Le dichiarazioni di coach Ettore Messina e di coach Sasha Djordjevic nel post-partita A|X Armani Exchange Milano-Segafredo Virtus Bologna, Gara 2 delle finali playoff scudetto.

A|X ARMANI EXCHANGE MILANO
Coach Ettore Messina: “La Virtus Bologna ha giocato una partita molto energica, molto gagliarda, noi ci abbiamo messo molto impegno, ma come mi sembra sia stato chiaro, abbiamo avuto poca freschezza. Abbiamo fatto fatica, avevamo chiesto alla squadra di muovere di più la palla, di penetrare e scaricare, ma l’energia fisica in difesa è stata poca. Penso anche poche gambe nei momenti cruciali per tirare con le percentuali necessarie. I ragazzi ci hanno messo tanto impegno, ora dire che la finale è in salita è un eufemismo. Andiamo a giocare a Bologna Gara 3 e vediamo cosa succede”.

“Noi tutte le volte che abbiamo giocato con loro, incluso prima che arrivasse Marco Belinelli, abbiamo giocato tutte partite punto a punto, non li abbiamo mai asfaltati. In Supercoppa, abbiamo vinto una partita molto combattuta; a Bologna a Natale abbiamo vinto una partita punto a punto per tutta la sua durata, con vantaggi minimi; l’ultima volta che li abbiamo affrontati abbiamo avuto qualche momento in cui abbiamo guidato bene, ma poi sono rientrati ed è stata punto a punto tutto l’ultimo quarto. Non è una novità. Loro sono una squadra che ha vinto tantissimo in Eurocup, aveva vinto la prima prima partita di semifinale, che ha aggiunto un giocatore come Belinelli che può permettersi in un momento di freschezza, con Abass che sta dando minuti importanti, Ricci che sta giocando ottimi playoff, può permettersi di tenere fuori un americano (Josh Adams – ndr). Non sono stupito del loro potenziale, anche se magari per altri motivi hanno avuto una stagione travagliata, ma sono dove dovevano essere, con 25 partite meno di noi e grande morale”

SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA
Coach Sasha Djordjevic: Abbiamo giocato per vincere, siamo scesi in campo concentrati e decisi. Siamo stati sempre lì, poi nel finale abbiamo letto bene. Sapevamo che Milano sarebbe uscita con orgoglio ma chiudere il primo tempo sotto di uno ci ha dato forza. Andiamo a casa, memoria sempre corta per migliorare ancora: sono solo due partite vinte in questa serie, andiamo avanti. Cercheremo di recuperare le energie, mettendoci bene in testa dove possiamo migliorare. La parola chiave è recupero, non solo fisico.”