Alessandro Pajola: “Con il Poz si lavora duramente. Anno intenso con la Virtus Bologna…”

Alessandro Pajola ha parlato della stagione con la Virtus Bologna, della Nazionale e dell’esperienza alla NBA Summer League.

Alessandro Pajola è stato intervistato da “Tuttosport” e il playmaker della Segafredo Virtus Bologna ha parlato della stagione delle Vu Nere, della Nazionale e dell’esperienza alla NBA Summer League.

La nazionale azzurra:
“Ho ritrovato gran parte del gruppo olimpico, un gruppo super. E con il Poz si lavora davvero duramente ma con il sorriso. Insomma, ci si diverte lavorando e questo mi piace molto. Ora c’è il primo test con la Francia e non vediamo l’ora. Pozzecco è una persona, oltre ad essere un allenatore e un ex giocatore che ha vissuto simili esperienze. È sincero, diretto, sa come alleggerire il tutto, pur tenendo desta l’attenzione. Ricorda che siamo uomini e non macchine”.

Zero vacanze per Pajola e NBA Summer League:
“Ho fatto una settimana di vacanza appena finita la stagione e una dopo l’America. La Summer League è stata un’esperienza molto bella. Mi sono divertito, anche. Era la mia prima volta negli Stati Uniti e andare a Las Vegas è stato choccante, tutto finto, come un film. Poi in campo il basket è sempre basket, per quanto abbiano una concezione diversa. Ho conosciuto un altro mondo, un’altra cultura”.

LBA Serie A 2022/23: il calendario della Segafredo Virtus Bologna

La stagione 2021/22 con la Virtus Bologna:
“È stato un anno molto intenso, sia fisicamente, sia mentalmente. Non so se ci sia stato un momento particolare, ma per la prima volta ho dovuto convivere con la stanchezza mentale e fisica. Però ho come compagni campioni che giocano da 15 anni, sono pieni di acciacchi eppure riescono sempre a rendere. È questa l’essenza del professionismo. Anche io per la prima volta ho giocato con qualche dolorino, ma guardando i compagni ho capito di non doverci badare, di andare oltre. E si impara a usare gli accorgimenti dei più esperti, tipo arrivare un’ora prima in palestra per attivarsi, a volte fermarsi mezz’ora prima”.

Gli aspetti da migliorare del suo gioco:
“Ma sono tanti, il palleggio visto che gioco playmaker, il tiro, poi sempre l’aspetto fisico, da curare, da potenziare. Però penso importante sia diversificare, lavorare quindi è anche sui propri pregi, quelli che ti aiutano nelle difficoltà”.

Segui Vu Nere Bologna su Facebook

Non perderti i nostri contenuti su Facebook: clicca "Mi Piace" e non perderti nessun aggiornamento in tempo reale!


This will close in 10 seconds