Virtus Bologna, coach Scariolo su Hackett, Shengelia e Mannion

Coach Scariolo parla della stagione della Virtus Bologna, degli arrivi di Hackett e Shengelia e del nuovo ruolo di Mannion.

CLEVELAND, OHIO - MARCH 21: LeBron James #6 of the Los Angeles Lakers celebrates during the fourth quarter against the Cleveland Cavaliers at Rocket Mortgage Fieldhouse on March 21, 2022 in Cleveland, Ohio. The Lakers defeated the Cavaliers 131-120. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and/or using this photograph, user is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. (Photo by Jason Miller/Getty Images)

Sergio Scariolo, coach della Segafredo Virtus Bologna, è stato intervistato da “La Gazzetta dello Sport”. Il tecnico bianconero parla della stagione delle Vu Nere, degli arrivi di Hackett e Shengelia e del nuovo ruolo di Mannion.

La Virtus Bologna di questa stagione. “Da agosto è in fase di transizione con porte girevoli e giocatori che entrano ed escono. L’arrivo di Hackett e Shengelia puntella il gruppo con esperienza, mestiere, forza mentale, maturità, elementi che di partenza la squadra non aveva a questi livelli. E poi senza Udoh e Abass si sono persi subito due pilastri difensivi”.

Lavoro continuo per il coach. “L’aggiustamento continuo è difficile ma anche sfidante. È come navigare in un mare in cui a ogni miglio c’è uno scoglio da evitare”.

Daniel Hackett: Ha esperienza di grande squadra, maturità, capacità di prendere decisioni assennate in attacco senza essere James Harden. Rinforza la squadra in aspetti in cui era deficitaria. Queste qualità sono riconosciute dal gruppo che gli ha riservato un’ottima accoglienza”.

Serie A, 8 vittorie consecutive per la Virtus Bologna: nuovo record stagionale

Serve un lungo? “Siamo stati più di tre mesi senza l’ala forte titolare. Un ragazzo in crescita come Alibegovic ha fatto del suo meglio e a volte anche bene. Toko ha giocato e dimostrato di essere di alto livello. E credo che possa giocare minuti di qualità anche da centro: ha stazza, forza e mestiere per farlo”.

Nico Mannion. “È uno dei nostri play dietro ai titolari Pajola e Hackett. Dovrà essere pronto ad approfittare delle opportunità anche in un altro ruolo. È un ragazzo di 20 anni su cui c’è stata una fretta anormale e subnormale, da parvenu. Come dicono i latini: Natura non facit saltus. Ho grande fiducia in lui a medio termine”.

Alti e bassi, campionato ed EuroCup. “Dove il livello è più alto, abbiamo pagato la costante menomazione e il fatto di partire con 12 giocatori. È stata una scelta nata da un mio errore di valutazione. Non ero un tifoso dei lunghi roster. Ho imparato mio malgrado perché le grandi squadre hanno 16­-18 giocatori: per mettersi al riparo da problemi”.

Playoff EuroCup. “È importante come ci si arriva. Fisicamente non dipende solo da noi, mentalmente e tatticamente sì. Non puoi pensare agli avversari o al fattore campo ma solo a competere con la massima determinazione e durezza. Mi auguro che questa formula, che meno di delirante non l’ho sentita definire, duri solo un anno”.

Segui Vu Nere Bologna su Facebook

Non perderti i nostri contenuti su Facebook: clicca "Mi Piace" e non perderti nessun aggiornamento in tempo reale!


This will close in 10 seconds