Virtus Bologna, Pajola: “Impossibile non trovarsi bene con Hackett e Shengelia”

Alessandro Pajola parla degli arrivi di Daniel Hackett e Toko Shengelia e del momento di Nico Mannion.

Alessandro Pajola è stato intervistato dal “Corriere dello Sport” e il numero 6 della Virtus Bologna ha parlato degli arrivi di Daniel Hackett e Toko Shengelia e del momento di Nico Mannion.

Quando è tornato ha trovato facce nuove, e che facce. Cosa significa aver aggiunto anche Hackett e Shengelia? “Gente di tale esperienza, impossibile non trovarsi bene con loro. Si sono già inseriti nel modo più naturale. Quando sei in un gruppo molto numeroso e di gente di alto livello, ciò che conta di più è essere brave persone, loro lo sono. Entrati in punta di piedi ma con il loro grande bagaglio”.

Con tanti campioni bisogna rinunciare a qualcosa e metterlo al servizio della squadra, a che punto siete? “E’ un processo non semplice che richiede sacrificio, disponibilità e tempo. Bisogna abituarsi alle gerarchie, al proprio ruolo, e non siamo mai stati fortunati. Anche ora che sono arrivati i due innesti abbiamo perso Belinelli, si è fermato Teodosic. Ci meritiamo prima possibile di testarci al completo e speriamo di trovare presto la chimica definitiva. La tocchiamo ma non la conquistiamo”.

Toko Shengelia: “CSKA? Non tornerò. Futuro in Virtus? Vediamo a fine stagione”

Si fa in tempo a trovarla per vincere? “Si, quando hai campioni così è molto più facile. L’esperienza può aiutare e Daniel e Toko ne hanno portata tanta”.

Mannion invece soffre ancora, perché? “Ha passato un periodo che non augurerei a nessuno. E’ stato bravo a rimettersi in forze, io so quanto talento ha e la forza mentale con cui può aiutare la squadra”.

Foto: Virtus.it

Segui Vu Nere Bologna su Facebook

Non perderti i nostri contenuti su Facebook: clicca "Mi Piace" e non perderti nessun aggiornamento in tempo reale!


This will close in 10 seconds