Virtus Bologna, Marco Belinelli: “Sarebbe bello vincere tutto ma…”

Marco Belinelli parla del ruolo di capitano, delle ambizioni della Virtus Bologna, dei compagni e della Nazionale.

Marco Belinelli è stato intervistato da “La Gazzetta dello Sport”. Il capitano della Segafredo Virtus Bologna ha parlato delle ambizioni delle V Nere, del rapporto con i propri compagni e della Nazionale.

Il ruolo di capitano
“Essere capitano è un onore, un ruolo che cercherò di interpretare al meglio. Sono disponibile ad essere un esempio per i giovani, voglio aiutare i miei compagni cercando di essere un leader silenzioso e  dimostrare la mia passione e la mia voglia di vincere”.

I compagni
“Con Nico Mannion ho parlato perla prima volta quando è arrivato a Bologna: mi sembra un ragazzo consapevole del fatto che avrà molte responsabilità con la Virtus, che dovrà prepararsi bene per giocare sempre al massimo. Sarà importante in questa stagione. Pajola io lo amo­. È un giocatore che parla poco, ma fa tanto in campo. Difende come non ho mai visto nessuno fare, per me sarà lui quello che ci darà tanto fuoco per avere una stagione importante. E sono super contento di giocare con Teodosic: anche il nostro rapporto è cresciuto tantissimo e siamo super amici”.

Ufficiale, Marco Belinelli è il nuovo capitano della Virtus Bologna

Obiettivi
“La cosa più bella sarebbe vincere tutto, sia personalmente che per la società. Al primo posto però metto la qualificazione per l’Eurolega, affrontare squadre di livello altissimo. Lo scudetto resta chiaramente un traguardo importante”.

Nazionale
“Ho seguito le Olimpiadi, mi sono sentito con alcuni compagni: sono usciti a testa alta, giocando una bellissima pallacanestro contro una squadra forte come la Francia­. C’era però in me il rammarico di non poterci essere per questioni fisiche, come avevo anticipato ad alcuni compagni e al Presidente Petrucci. Personalmente, per il rapporto che si era creato con lui, sono state dette cose sulla mia assenza che mi hanno dato fastidio. Non ho mai detto nulla, reagendo da professionista e cercando di dimostrare le cose sul campo. In quel momento era importante restare uniti e tifare per l’Italia alle Olimpiadi: i problemi sono stati messi da parte, mi sembra giusto ora dire che ci sono cose che mi hanno dato fastidio. Presumo avremo la possibilità di chiarire, vedremo nei prossimi mesi se lo faremo in tempo per l’Europeo”.

Foto: Virtus.it

Segui Vu Nere Bologna su Facebook

Non perderti i nostri contenuti su Facebook: clicca "Mi Piace" e non perderti nessun aggiornamento in tempo reale!


This will close in 10 seconds